RECENSIONE Pensavo di essere una pecora

17:40


PENSAVO DI ESSERE UNA PECORA,
SOLO PERCHÉ VIVEVO IN UN GREGGE -
Marcello Argento

Lo leggi in 2 minuti.

"All'alba di una giornata calda, limpida e luminosa, nacque il Sole! Non si sa ancora di preciso se portato da una cicogna, oppure se partorito dopo nove mesi da mamma galassia."

Semplicementefelici.com è un blog attivo già da qualche anno, a gestirlo è Marcello Argento. Tratta argomenti di crescita personale ed è uno spazio ben gestito per approfondire con leggerezza il tema del benessere interiore.

In questi giorni è stato pubblicato il primo ebook a cura dell'autore del blog, e leggerlo è stato un vero piacere.

Si tratta di 10 racconti brevi, ecco qui un estratto dell'indice:


Sommario

Avvertenza: questo libro non è per te
Avvertenza: per chi è questo libro
Indicazioni per la lettura
Controindicazioni
Introduzione
-Una storia calda
-La nuova linea
-Il galletto intraprendente
-La sveglia
-Una storia legnosa
-La barca d'Italia
-Una storia da cani
-Un storia inconsueta
-L'invenzione della ruota
-Vita morte e discendenza della torre

In uno stile raro, di scrittura creativa, fatto di giochi di parole, proverbi e doppi o tripli sensi, si susseguono delle storie che non mancheranno di strapparvi una risata.

Nel mare magnum degli ebook che oggi affollano qualsiasi canale di vendita, Pensavo di essere una pecora, si distingue per il coraggio di contenere storie fuori dalla norma, storie assurde, che per qualche momento fatichiamo a comprendere a fondo. Ma che, appena ci lasciamo alle spalle il solito e noioso modo di pensare, riusciamo ad apprezzare appieno.

Chi di noi non si è sentito per un periodo della sua vita un diverso, un incompreso? Pensavo di essere una pecora, dà voce al lato nascosto di ognuno di noi, facendoci divertire!

"Fatto il disco, ora bisognava venderlo, ma come fare? Al cane venne un'idea l'unico modo per vendere il disco era di pubblicizzarlo!
Così a ogni persona che incontrava, lui voleva far conoscere la sua incisione, e azzannava con i suoi incisivi i polpacci dei malcapitati, convinto che questo fosso un ottimo modo per far pubblicità."

You Might Also Like

0 commenti

Fai sapere la tua! Sempre nel rispetto di tutti.